CCP su Facebook

 

 

Newsletter

Le attività del Centro Culturale vengono comunicate attraverso una circolare periodica: “CCP webnews”. Tre volte all’anno viene inviata con un editoriale di presentazione e commento di alcune iniziative. La newsletter informa anche di iniziative e appuntamenti promossi da altre istituzioni culturali. Ricevi HTML?

Protestanti e dialogo interreligioso

Il dialogo interreligioso per i protestanti è soprattutto ascolto dell'altro e poi luogo di scambio e di dialogo reciproco per entrare in una relazione profonda, in cui – volendo e in piena libertà - vi sono diversi modi e occasioni di testimoniare il Cristo, senza fare proselitismo.

Sul fronte del dialogo interreligioso, le Chiese evangeliche di Milano partecipano al Forum delle religioni che riunisce cristiani, ebrei, islamici, buddisti, induisti, ecc. Gli obiettivi sono molteplici e riguardano la mutua accoglienza e conoscenza reciproca ma anche la promozione della cultura del dialogo, della solidarietà e della pace in rapporto alla società civile, agli enti locali e alle istituzioni e la tutela della libertà di religione e di fede con l'impegno a schierarsi contro ogni forma di discriminazione religiosa.


I rapporti con l’ebraismo

I rapporti tra le Chiese evangeliche e l’ebraismo – nella specifica situazione italiana segnata dalle storie parallele di due minoranze religiose – sono all’insegna di sensibilità prossime, episodi di dialogo, solidarietà e impegno comune in favore della libertà religiosa. In generale, la riflessione sulla Shoah ha avviato un processo di denuncia e di superamento del pregiudizio antiebraico nella teologia, nella predicazione, nella catechesi e nella prassi delle chiese cristiane e ha portato a riscoprire il legame profondo tra ebraismo e cristianesimo, favorendo il dialogo, la preghiera solidale (pregando gli uni per gli altri) e il confronto fraterno.

A Milano, sul fronte culturale, gli evangelici mantengono vivo da tempo il dialogo con la comunità ebraica attraverso le attività del Centro culturale protestante che negli anni ’80 ha promosso i primi studi biblici ebraico-cristiani in città e attraverso la Libreria Claudiana. Da alcuni anni, aderiscono assieme alle altre Chiese cristiane (CCCM) al XVII gennaio, giornata che la CEI ha dedicato ai rapporti con l’ebraismo.

Nel 2003 le Chiese evangeliche battiste, metodiste e valdesi, vari movimenti ed associazioni, la Libreria Claudiana e la Comunità cristiana di base hanno promosso un appello per il pluralismo religioso nell'informazione cui hanno aderito teologi, personalità della cultura e dell’informazione, insegnanti, studenti, cittadini.


Il rapporto con le altre religioni

Gli evangelici milanesi si interrogano sul dialogo interreligioso con l’Islam, con cui vi è un rapporto particolare per via della comune ascendenza abramitica e della fede in un unico Dio, ma anche alla luce di una consapevolezza di conflittualità che andrebbero rivisitate in un contesto di riconciliazione. E si interrogano anche sul rapporto con le altre religioni, sul piano delle “fedi viventi” che si ascoltano e si incontrano.

Nel 2007, in occasione del XVII febbraio (festa che ricorda la concessione dei diritti civili a valdesi ed ebrei, nel 1848), gli evangelici milanesi in collaborazione con il Centro culturale protestante,  hanno organizzato una tavola rotonda nella Chiesa valdese di via Sforza sulla libertà di coscienza e di religione, cui hanno partecipato esponenti di diverse confessioni religiose, atei e agnostici. Nonostante fatiche e battute d’arresto, gli evangelici milanesi promuovono il dialogo interculturale ed interreligioso nello spirito di un rinnovato impegno per un nuovo patto di convivenza democratica, in senso laico e pluralista.