CCP su Facebook

 

 

Newsletter

Le attività del Centro Culturale vengono comunicate attraverso una circolare periodica: “CCP webnews”. Tre volte all’anno viene inviata con un editoriale di presentazione e commento di alcune iniziative. La newsletter informa anche di iniziative e appuntamenti promossi da altre istituzioni culturali. Ricevi HTML?

Lampedusa, una storia in mezzo al mare

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Il Centro Cultuale Protestante

venerdì 27 novembre 2015 alle ore 20,30

invita allo spettacolo di Giacomo Sferlazzo

Lampemusa

Una storia in mezzo al mare

canzoni e racconti su Lampedusa

Lo spettacolo - a ingresso libero - si terrà presso la Chiesa Evangelica Battista in via Pinamonte da Vimercate 10,  Milano -  M2 Garibaldi

presenta Marta Bernardini

Dalla colonizzazione avvenuta il 22 settembre del 1843 alla crescente militarizzazione dell'isola. Dalle storie di pesca alle migrazioni che hanno interessato e interessano Lampedusa e il Mediterraneo. La fuga di Enrico Malatesta e la tradizione "epica" dell'isola (Ariosto ambientò sull'isola lo scontro dei tre cavalieri cristiani contro i tre saraceni). Piccole storie di donne e uomini che il cantautore ha raccolto dai racconti degli anziani di Lampedusa. Il cantautore lampedusano riprende la tradizione dei cantastorie siciliani suonando la chitarra, il marranzano, la percussione a cornice e altri strumenti inventati da lui. Le storie (i cunti) si alternano alle canzoni di Sferlazzo o a quelle riprese dalla tradizione popolare. Un momento unico per conoscere la storia di Lampedusa.

Giacomo Sferlazzo è un artista, cantautore e attivista politico di Lampedusa. Ha inciso tre dischi come cantautore ed insieme a Jacopo Andreini ha realizzato l'album di musica sperimentale Nella pancia della balena. Nel 2009 ha co-fondato il collettivo Askavusa a Lampedusa con cui organizza il Lampedusainfestival festival di cinema, comunità, pratiche politiche, turismo responsabile e con cui ha realizzato Portom, uno spazio dove si mostrano gli oggetti dei migranti passati da Lampedusa e che il collettivo ha salvato nel corso degli anni. Ha suonato ed esposto in molti paesi europei e in Tunisia.

Allegati:
Scarica questo file (INVITO Lampemusa.pdf)INVITO Lampemusa.pdf[locandina dello spettacolo]80 Kb
TwitterFacebook